ACCORDO DI PROGRAMMA ex art. 34 del Dlgs. N. 267/2000
TRA
REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, E COMUNE DI CALDERARA DI RENO
PER LA DEFINIZIONE DELLE MODALITA' DI ATTUAZIONE
DEL PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA
"GARIBALDI 2"




L'anno duemiladue, il giorno ....... del mese di ......, in ......,
la PREFETTURA DI BOLOGNA, rappresentata ai fini del presente atto da .........
la REGIONE EMILIA-ROMAGNA, rappresentata ai fini del presente atto da ..........
la PROVINCIA DI BOLOGNA, rappresentata ai fini del presente atto da ..........
e il COMUNE DI CALDERARA DI RENO, rappresentato ai fini del presente atto da ..........

con il presente accordo


- ritenuto indifferibile l'approntamento di una soluzione al degrado sociale e ambientale determinatosi nello stabile in Calderara di Reno, Via Garibaldi n. 2, a motivo del reiterato radicamento nello stesso di aggregazioni di tipo malavitoso aventi influenza sull'intero territorio metropolitano,
- riconosciuto che le problematiche emerse dall'analisi della situazione giuridica e sociale sulla quale si vuole intervenire con il Programma di Riqualificazione Urbana in corso di perfezionamento eccedono gli ambiti di potere di intervento del Comune di Calderara di Reno,

intendono definire


ciascuno nell'ambito delle proprie competenze e attrìbuzioni, gli interventi necessari per dare compiuta attuazione al Programma di Riqualificazione Urbana "Garibaldi 2" sulla base di azioni congiunte che, in necessaria sinergia, consentano l'approntamento tempestivo degli strumenti idonei a conferire piena efficacia agli interventi già programmati ed a quelli necessariamente da approntare.

PREMESSO CHE




PREMESSO INOLTRE CHE




RILEVATO CHE




Tutto ciò premesso e da ritenersi parte integrante e sostanziale del presente accordo tra Prefettura di Bologna, Regione Emilia Romagna, Provincia di Bologna e Comune di Calderara di Reno



SI CONVIENE E STIPULA QUANTO SEGUE


Art. 1 - CONFERMA DELLE PREMESSE
Le premesse e i richiami sopra indicati costituiscono parte integrante e sostanziale del presente accordo.

Art. 2 - OGGETTO E FINALITA' DEL PROGRAMMA
Il presente accordo ha preliminarmente ad oggetto la ridefinizione dei termini dei finanziamenti regionali già concessi, per consentire lo sviluppo attuativo del PRU "Garibaldi 2" come programma integrato ancorché sviluppato con progetti distinti e separatamente finanziati e nel rispetto dei vincoli di destinazione di ciascun finanziamento.
Le finalità di preminente interesse pubblico che si intendono perseguire con gli interventi oggetto del presente accordo sono essenzialmente rappresentate dall'approntamento di soluzioni abitative destinate alle fasce della popolazione economicamente più debole e dalla ricomposizione della qualità di vita dei residenti in Via Garibaldi n. 2 in termini di sicurezza, sia sociale sia strutturale, e di salubrità.
Per tal fine gli interventi previsti consistono in:
  1. ristrutturazione delle parti comuni dell'intero edificio, previa divisione dello stesso in sei condomini, con consistenti interventi di ripristino della funzionalità degli impianti esistenti ed installazione di impianto di riscaldamento autonomo; l'attuazione del relativo progetto sarà preceduta da interventi specificamente previsti come capaci di incidere sulle attuali condizioni di vita attraverso l'approntamento di sistemi di sicurezza idonei a disincentivare la presenza di estranei nello stabile e monitorare gli accessi allo stesso;

  2. costruzione di alloggi ERP su aree in proprietà comunale, inizialmente da utilizzare come case parcheggio a disposizione dei proprietari e/o residenti in Via Garibaldi n. 2

  3. ristrutturazione di porzioni per il recupero di alloggi di edilizia residenziale pubblica all'interno dello stabile di Via Garibaldi

  4. formazione della Caserma dei Carabinieri e della postazione di Polizia Municipale, con recupero di parte delle superfici porticate, in proprietà condominiale, a superficie utile non residenziale

  5. sistemazione delle parti comuni e delle pertinenze esterne all'edificio, collegamento ciclopedonale con il centro cittadino di Calderara di Reno e approntamento di spazi di integrazione all'interno del complesso di via Garibaldi


Gli interventi elencati sono indispensabili per portare ad attuazione la riqualificazione progettata e sono tra loro strettamente interdipendenti sia dal punto di vista della organizzazione del processo di recupero edilizio, sia da quello del processo di recupero sociale.
L'intervento di cui al punto 1 comporta il frazionamento dell'immobile al fine di ricavare sei condomini con relativa area pertinenziale, oltre agli spazi condominiali; il frazionamento interverrà sia con approntamento degli occorrenti interventi di natura edilizia, sia con attivazione delle procedure giuridiche finalizzate alla piena fruizione e gestione dei nuovi condomini.
Tale intervento fruisce dei contributi di cui alla DCR 88/2000 e alla DGR 2418/2001.
L'intervento di cui al punto 2 verra' effettuato su aree esterne, collegate tuttavia agli ambiti di riqualificazione urbana, essendo finalizzate alla realizzazione delle case-parcheggio nelle quali trasferire gli attuali residenti nelle porzioni destinate all'intervento ERP previsto all'interno del complesso di via Garibaldi.
L'intervento di cui al punto 3 consiste appunto nella realizzazione dei 35 alloggi ERP fruenti del contributo regionale di cui alla DCR 251/2001; tale intervento è da realizzare previa acquisizione delle porzioni immobiliari comprese nei Blocchi i e 2 come individuati nella citata variante al progetto di recupero, con esclusione delle parti destinate all'intervento previsto al successivo punto 4.
L'intervento di cui al punto 4 comporta l'acquisizione di locali in proprietà privata nei Blocchi 1 e 2 e di parte del portico comune al piano terra per realizzare, attraverso costruzione di muri e inserimento di impianti, locali ad uso Caserma dei Carabinieri e ad uso postazione Polizia Municipale, oltre locali accessori al piano interrato.
Infine con l'intervento di cui al punto 5 verra' completata la ristrutturazione dell'immobile da attuarsi mediante il rifacimento della coibentazione e della copertura piana dell'intero edificio, il totale rifacimento di tutte le tubature e canalizzazioni di adduzione della rete elettrica, dell'acqua potabile, del gas, l'inserimento delle canalizzazioni per i sistemi di apertura automatica degli accessi e per il citofono, la sostituzione delle colonne di scarico delle acque nere e la manutenzione degli impianti di ventilazione forzata dei bagni ciechi e delle zone cottura.
Il Progetto Pilota per la Sicurezza Urbana, fruente del contributo regionale di cui alla DCR 269/2000, oltre la realizzazione della Caserma dei Carabinieri e della Postazione di Polizia Municipale prevede l'esecuzione di una pista ciclabile; gli interventi finalizzati alla sicurezza all'interno del complesso di via Garibaldi fruiscono peraltro dei contributi di cui alla DGR 1921/2002.

Art. 3 - ALLEGATI ALL'ACCORDO
Costituisce parte interante e sostanziale del presente accordo la seguente documentazione:
  1. Allegato 1: Relazione tecnica illustrativa
  2. Allegato 2: Piano finanziario
  3. Allegato 3: Cronoprogramma degli interventi
  4. Allegato 4: Variante al piano di recupero approvato
  5. Allegato 5: Progetto preliminare "Caserma dei Carabinieri"


Art. 4 - RISORSE FINANZIARIE
I costi degli interventi prospettati, illustrati nell'allegato piano finanziario del PRU, ammontano a Euro 17.405.318,66 e sono in parte coperti dai contributi regionali già assegnati dalla Regione Emilia Romagna al Comune di Calderara di Reno complessivamente pari ad Euro 5.968.981,03, come risulta dalle premesse del presente accordo.
Per la parte restante il Comune di Calderara di Reno ha impegnato risorse in bilancio pari a Euro 1.187.850,87 e si impegna a reperire una somma pari a Euro 10.248.486,75 con il coinvolgimento di operatori privati, tramite una complessa operazione di cessione di lotti edificabili in sua proprietà.
Le aree comunali da collegare al PRU Garibaldi 2 come risorsa finanziaria messa a disposizione dal Comune di Calderara di Reno non sono in parte munite attualmente di potenzialità edificatoria; occorre pertanto definire i contenuti di una Variante al PRG idonea ad introdurre modifiche capaci di sostenere le strategia operativa ipotizzata.
Conseguentemente ulteriore oggetto del presente accordo è rappresentato dalla definizione con la Provincia di Bologna delle modalità di approntamento della variante al PRG idonea allo scopo con l'esplicito riconoscimento che la stessa è necessitata dal riscontro di una situazione di emergenza sociale che, se pure territorialmente individuata a Calderara di Reno, esercita la propria influenza sull'intera area metropolitana.
La definizione dei terreni, per i quali prevedere l'inserimento in PRG con potenzialità edificatoria, verrà effettuata di concerto con la Provincia di Bologna, attraverso un piano strategico condiviso sia per quanto attiene le quantità edificatorie da considerarsi compatibili con lo stato di fatto e di diritto esistenti nella zona nelle aree in cui gli stessi verranno individuati, sia per quanto attiene la definizione delle ulteriori prescrizioni e dei vincoli cui comunque sarà subordinata l'attuazione dei nuovi volumi edificabili.

Art. 5 - IMPEGNI ASSUNTI DAL COMUNE DI CALDERARA DI RENO
Il Comune di Calderara di Reno si impegna a presentare alla Regione Emilia-Romagna, entro il termine di 120 gg. dalla data di sottoscrizione del presente accordo, l'accordo di programma attuativo ex L.R. n. 19/1998, tra Regione, Comune e soggetto attuatore privato, per la realizzazione delle porzioni ERP di cui al finanziamento ex D.C.R. n. 251/2001, e del Progetto pilota per la sicurezza urbana;
Il Comune di Calderara di Reno si impegna, altresì, a presentare alla Regione Emilia-Romagna, entro il termine di 180 gg. dalla data di sottoscrizione del presente accordo, l'accordo di programma attuativo ex L.R. n. 19/1998, tra Regione, Comune e soggetti privati proprietari, le cui intenzioni verranno esplicitate in accordi ex art. 1l della L. n. 241/1990, per la realizzazione degli interventi finanziati con D.C.R. n. 88/2000 e D.G.R. n. 2418/2001;
Il Comune si impegna , inoltre, a rispettare le scadenze di cui al cronoprogramma allegato e a contribuire con risorse finanziarie proprie per l'importo pari a Euro 10.248.486,75 (in fase di definizione), oltre a quelle già impegnate in bilancio pari a Euro 1.187.850,87 (in fase di definizione)

Art. 6 - IMPEGNI ASSUNTI DALLA REGIONE EMILIA ROMAGNA
Riconosciuta la complessità dell'intervento nel suo insieme la Regione Emilia Romagna con il presente accordo espressamente attua il collegamento dei finanziamenti come sopra indicati e descritti, già concessi per realizzazioni connesse al PRU "Garibaldi 2", armonizzandone i termini e le modalità di erogazione, quindi di fruizione da parte del Comune di Calderara di Reno, avendo riguardo alle fasi attuative dell'intervento come indicate nel cronoprogramma allegato.
Con la sottoscrizione del presente accordo pertanto la Regione Emilia Romagna dispone che l'erogazione dei finanziamenti concessi venga effettuata sulla base dei tempi e delle modalità di esecuzione delle opere cui si riferiscono i contributi medesimi, nel rispetto dei vincoli di destinazione e dei tempi rappresentati nel cronoprogramma allegato.
In particolare, trattandosi di contributi relativi ad interventi abitativi strettamente connessi tra loro, il termine entro il quale gli interventi di cui alla D.C.R. n. 251/2001 devono pervenire all'inizio lavori viene uniformato alla tempistica dei contributi di cui alla D.C.R. n. 88/2000 e alla D.G.R. n. 2418/2001.

Art. 7 - IMPEGNI ASSUNTI DALLA PROVINCIA DI BOLOGNA
La Provincia di Bologna dichiara di condividere gli obiettivi del PRU Garibaldi 2 come individuati con il presente accordo rendendosi disponibile a concertare con il Comune di Calderara di Reno gli aspetti urbanistco-attuativi, attraverso un piano strategico da definire entro ....

Art. 8 - IMPEGNI ASSUNTI DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA
Il Ministero dell'Interno ha espresso il proprio assenso di massima in ordine alla fattibilità della costruenda caserma, pertanto, la Prefettura di Bologna si impegna ad approvare in sede tecnica il progetto di installazione della Caserma dei Carabinieri.

Art. 9 - VIGILANZA SULL'ATTUAZIONE DEL PRESENTE ACCORDO
L'attività di vigilanza e di controllo sull'esecuzione del presente accordo è esercitata ordinariamente da un collegio composto di quattro membri rispettivamente nominati dalla Regione Emilia Romagna, dalla Provincia di Bologna, dal Comune di Calderara di Reno e dalla Prefettura di Bologna.
Il Collegio di vigilanza:
  1. vigila sulla tempestiva e corretta attuazione dell'accordo;
  2. individua gli ostacoli di fatto e di diritto che si frappongono all'attuazione dell'accordo, proponendo le soluzioni idonee alla loro rimozione;
  3. provvede, ove necessario, alla convocazione dei soggetti sottoscrittori e di altri soggetti eventualmente interessati, per l'acquisizione dei pareri in merito all'attuazione dell'accordo;
  4. dirime, in via bonaria, le controversie che dovessero insorgere tra le parti in ordine all'interpretazione e all'attuazione del presente accordo;
  5. applica le sanzioni previste dal presente accordo


Art. 10- SANZIONI PER INADEMPIMENTO
Il Collegio di vigilanza, qualora accerti inadempienze a carico dei soggetti attuatori dell'accordo provvede a:
- contestare l'inadempienza, a mezzo di lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, con formale diffida ad adempiere entro un congruo termine, non superiore a 30 gg;
- disporre, decorso infruttuosamente il predetto termine, gli interventi necessari.
La Regione Emilia Romagna, in caso di mancato rispetto dei termini e degli adempimenti di cui all'art. 5 del presente accordo di programma, dispone la revoca dei contributi regionali assegnati

Art. 11 - EFFICACIA DELL'ACCORDO
Il presente accordo di programma è propedeutico rispettivamente ai due accordi di programma attuativi ex L.R. n. 19/1998 di cui all'art. 5 del presente atto.
Per quanto accordo concerne gli interventi finanziati con D.C.R. n. 251/2001 e con D.G.R. n. 2528/2000, il presente accordo è efficace sino alla data della pubblicazione sul B.U.R.E.R. dell'atto formale del Sindaco del Comune di Calderara di Reno di approvazione dell'accordo di programma attuativo ex L.R. n. 19/98.
Analogamente, per quanto riguarda gli interventi finanziati con D.C.R. n. 88/2000 e D.G.R. n. 2418/2001, il presente accordo è efficace sino alla data di pubblicazione sul B.U.R.E.R. dell'atto formale del Sindaco di Calderara di Reno di approvazione dell'accordo di programma attuativo ex L.R. n. 19/98.
Qualora non si pervenga alla sottoscrizione ed approvazione dei suddetti accordi nei termini fissati al citato art. 5, la validità del presente accordo decade.

Art. 12 - NORME FINALI E DI RINVIO
Il presente accordo, sottoscritto dai legali rappresentanti delle Amministrazioni interessate, è approvato ai sensi ed agli effetti dell'art. 34 del Dlgs. N. 267/2000


Torna su in questa pagina

Apri la pagina iniziale

BLOG Per la rinascita del Garibaldi 2